B)SIDE

Menu e Ricerca

about:blank

Pagina vuota, pagina che non serve a niente, pagina bianca, pagina per scrivere un nuovo inizio e un nuovo viaggio.
I’m ready so: nice to meet you (again).
Vi ho raccontato con undici lettere di B)SIDE i miei mondi preferiti lontani eppure così vicini delle cose di serie A e delle cose di serie B, e poi altre storie diverse come al solito che non rispettano un vero ordine se non una regola, ovvero la regola vulcanica: va bene tutto, purché sia una pura esplosione di idee e di sentimenti.
Non scrivo un blog da una vita e non lo faccio apposta. Ci ho pensato mille volte ma c’è quella mia inarrestabile tendenza a dare ad ogni cosa un tempo speciale, oserei dire rituale. Tipo che per ogni disco ho aperto un blog con un carattere diverso, prima un visionario cassetto di calzini aka sogni, poi un concettuale lato B di un vinile pieno di cose da raccontare. Poi c’è sempre il momento tour, che io vivo in stile olimpiadi, massima concentrazione, dieta sana, palestra, diario di viaggio nelle note del telefono, colori diversi, backstage che profumano di fumo e colori. Diciamo che in tour si pensa al tour e ci si gode il tour, non riesco a fare altro. Poi i singoli, i video, i vlog, le playlist e mille altre cose. E l’università. E forse una vita sociale.
In ogni caso, confesso che ho pensato a lungo a come gestire la mia voglia di scrivere che ha un sacco di facce differenti, come quell’icosaedro a cui sono molto affezionata e con cui ho rotto le scatole a tutti ❤ .
Sì perché sto scrivendo un sacco di cose e di diversa natura, in perfetta coerenza con l’incoerenza totale ma bellissima di un’esplosione creativa. Ho mille progetti che sto coltivando nel cassetto, e, in perfetto stile 2015, molti calzini dentro a questo cassetto sono ancora spaiati perché per tutti i miei sogni fluttuanti devo trovare una quadra.
Scrivo qualsiasi cosa, dalle canzoni strumentali e sperimentali alle poesie minimali, dagli articoli ai testi nuovi, dalle composizioni classiche a quelle elettroniche, più altri progetti che mi vengono in mente e che magari non sono neanche apparentemente musicali (anche se la musica c’entra sempre e ne sono sempre più convinta).
La mia to-do list autunnale è infinita e ha un sacco di sfumature. La cosa mi rende il tutto più complesso perché so che dovrò studiare moltissimo, ma allo stesso tempo mi gratifica e mi entusiasma perché mi riempie di curiosità e di esperienze nuove per mettermi in gioco e per crescere.
Non si smette mai di dire “da grande voglio fare…” perché ogni giorno è una possibilità ed è proprio così, anche se a volte me lo dimentico.
Innanzitutto imparerò a nuotare oltre queste boe. Perché il limite non è solo un confine, è anche una prospettiva di evoluzione, e non deve smettere di esserlo, ma non basta vederlo così. Nell’evoluzione di una persona (e anche, ahimè, nell’involuzione) c’entra sempre anche molto la relazione. Oserei dire che la relazione (della serie “sì comunicare, altro che viaggiare”) è tutto.
Proprio perché quando vuoi rimetterti a suonare senti un po’ anche il bisogno di ascoltare cose nuove e andare a sentire concerti di altri artisti, anche per scrivere sento sia importante prendersi il tempo per leggere. Lo ammetto, e me ne vergogno pure: avendo una vita così piena e frenetica leggo sì, ma non tanto, e la cosa mi dispiace.
Insomma come al solito ho scritto un poema per dirvi una cosa molto semplice: ho ancora 2640 cose da dirvi e saranno dei mesi molto diversi e speciali. Il blog prenderà una nuova forma autunnale che è in fase di creAzione e di lettura. Ci sentiamo presto, tanti baci!

Francesca

Ciao, mi chiamo Francesca. Sono nata il 25 febbraio e per mestiere vivo da vent'anni in un cassetto di sogni stropicciati. Le farfalle che abitano il mio stomaco passano di tanto in tanto a trovare i pensieri nella mia testa, dove vivono a forma di palloncini. Ho due cuori, uno è un battito di ciglia, l'altro un prisma con venti facce triangolari. Ho guardato a lungo uno specchio che mi ricordava quella che sembravo e non quella che ero, ma da oggi voglio navigare senza le vele. Lontano.

Articoli correlati
Due Galassie is meglio che Sedici

Due Galassie is meglio che Sedici

Eccomi qui di nuovo, dopo un po’, a scrivere una…

Il profumo del pane dall’altra parte del mondo

Il profumo del pane dall’altra parte del mondo

Il mercoledì è fatto di finali di Coppa Italia, lettere…

Una lettera (una cosa un po’ diversa)

Una lettera (una cosa un po’ diversa)

Ciao a tutti, Ritorno a scrivere questo blog dopo diverse…

7 Discussion to this post

  1. claudio ha detto:

    Ciao Francy, bentornata sul blog, si sentiva la tua mancanza!ok allora aspettiamo buone nuove!forse vengo a Trento (ma decido una settimana prima), quest’anno ho la terza e la quinta che avevo lasciato l’anno scorso con alternativa alla religione e nel nuovo plesso dovrei avere potenziamento in quinta e geografia e musica in seconda, poi ti aggiorno, un bacio bella

  2. Stefano TS ha detto:

    Ciao Francesca, che bello rileggere i tuoi pensieri sul blog! Come sempre sei piena di idee e di creazioni, un vero e proprio vulcano in attività! Attendo con entusiasmo e impazienza le prossime novità.
    A presto,
    un forte abbraccio ❤
    Ciao!
    Stefano

  3. Davide ha detto:

    Ciao, Francesca. Un in bocca al lupo per i prossimi impegni che, sono sicuro, ti daranno ancora un monte di soddisfazioni che meriti tutte.

  4. Elena ha detto:

    Ciao Francesca, grazie per questo articolo, mi manchi tanto. Ci manchi, a tutti, non vediamo l’ora di vederti tornare con cose bellissime. Ormai sei uno dei pezzi più importanti della mia vita, so che è sdolcinato e un po’ stupido, ma è così. Anzi, è molto di più, ma ti annoierei raccontandotelo. (Stavolta non ti dico che ti voglio bene, se no ti viene il diabete) ❤️💙💚

  5. Rolando ha detto:

    Ciao francy lo sai che metti un ansia pazzesca così. Non vedo l’ora di scoprire tutte le novità che ci stai preparando.
    Tvb,
    Baci, Baci ❤

  6. Benjamin ha detto:

    Ciao Francesca e grazie. Grazie per quello che scrivi, per le tue canzoni, per il tuo sorriso. Grazie perché ogni volta che sento o vedo qualcosa di tuo mi emoziono. Grazie perché mi fai desiderare di incontrare una ragazza che mi sappia trasmettere anche solo una parte di quello che mi dai tu, un giorno. Grazie perché, nonostante sappia che rimarrá solo un sogno, continuo a sognare di poter scambiare qualche parola con te, di farmi conoscere e di apprezzarti ancora di più. È un sogno e sognare è la cosa più bella che ci sia, quindi ti ringrazio

  7. Enrico ha detto:

    mi riporti alla voglia di conquistare il mondo che avevo alla tua età. Brava!!!(ancora oggi =)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 5 =

Premi "Invio" per cercare.