B)SIDE

Menu e Ricerca

Luglio Primo – Il Fuoco

fuoco-francesca-michielin-blog

Ogni nome un uomo ed ogni uomo è solo quello che scoprirà inseguendo le distanze dentro sé.

Quante deviazioni, quali direzioni e quali no, prima di restare in equilibrio per un po’?

Rotolando verso Sud, rotolando verso la polvere, le foreste e il fuoco.
La Terra del Fuoco: l’estremità massima prima dell’Antartide. Sentirsi come Magellano ai confini del mondo e avere paura di scottarsi, trovare invece un grande freddo. L’Atlantico e il Pacifico si abbracciano sotto la neve, il fuoco è una suggestione, è una sensazione, è un bisogno di contatto e di protezione, di sentimento e di passione, perché il mondo fuori è rigido e non ti risparmia neanche se vuoi.

C’è chi parla di Capo Horn, c’è chi c’è stato davvero, pirati e cantautori. E tutti che mentre ci vanno un po’ vogliono tornare indietro. Alcuni si vergognano a dirlo e si fingono forti, altri te lo urlano in ginocchio.
A me è successo che il fuoco bruciasse così tanto che sentivo freddo.

Ahi Velasquez, com’è duro questo amore / mi pesa la notte prima di ricominciare / e tante veglie, come soglie di un mistero / per arrivare sempre più vicino al vero

Il fuoco, cercare il fuoco da qualche parte, cercare la vita fuori dalla vita. Ma dentro, cosa succede?
Il cuore è diventato una pietra focaia dorata da sfregare con tutto ciò che sembra minimamente interessante. Ma dentro cosa c’è?
C’è solo pietra che aspetta o c’è una vera fiamma?

Ho guardato le stelle e ho pensato a quante costellazioni riesco a vedere e a tracciare. Quante stelle brillano nella notte, e quanto più buia è la notte tanto più brillano. Ho pensato che quando è giorno vedo solo il Sole, una palla di fuoco enorme, una vita che pulsa e che fa vivere un sistema, e penso a tutti i pianeti che non vedo mai, che dipendono sempre da qualcosa, che appartengono a qualcuno perché girano intorno ad un’orbita, ma che magari sono spenti e fanno finta di niente. E tu pensi di sentirti importante perché giri intorno al Sole, ma un giorno arriva qualcun altro e se ti chiami Plutone decidono che non puoi più far parte del sistema solare e addirittura non ti considerano nemmeno più un pianeta per tantissimi motivi oltraggiosi e supponenti. E poi hanno anche il coraggio di ripensarci e ti comunicano che sei di nuovo nel giro.

Ma, mia cara, mia dolce bambina, vuoi essere una stella o un pianeta?
Perché sai, c’è un bel po’ di differenza. E la vita è fatta di scelte. Di salti dentro ad un cerchio di fuoco.

Dipende da tante cose. A volte è difficile brillare di luce propria. Ma se hai il fuoco dentro, se c’è in te uno slancio, se senti di tendere a qualcosa, devi accendere la luce. Dentro di te.

Continuerai a farti scegliere, o finalmente sceglierai?

È come quel vulcano che tanto mi piace. Lui la scorza ce l’ha di pietra lavica e questo significa non avere più paura del freddo. E non avere nemmeno paura di bruciarsi. Con il cuore fatto di magma il fuoco è già parte integrante e quando arriva da fuori non può fare paura.

La neve sopra le montagne della Terra del Fuoco è bellissima e copre tante cose. Ma anche se sotto, nascondendole e idratandole, le rende spesso migliori, prima le ha uccise. Le ha calpestate.

E quel fuoco invece, che gli indiani hanno acceso per sentire meno il gelo, è la verità.

Il fuoco è la verità. E ti fa venire voglia di tendere la mano in un cerchio per affrontare gli inverni della vita.

Francesca

Ciao, mi chiamo Francesca. Sono nata il 25 febbraio e per mestiere vivo da vent'anni in un cassetto di sogni stropicciati. Le farfalle che abitano il mio stomaco passano di tanto in tanto a trovare i pensieri nella mia testa, dove vivono a forma di palloncini. Ho due cuori, uno è un battito di ciglia, l'altro un prisma con venti facce triangolari. Ho guardato a lungo uno specchio che mi ricordava quella che sembravo e non quella che ero, ma da oggi voglio navigare senza le vele. Lontano.

Articoli correlati
Lettera di un Walkman allo Streaming

Lettera di un Walkman allo Streaming

Caro Stream, Probabilmente non leggerai fino alla fine questa lettera.…

B)SIDE

B)SIDE

Benvenuti nel blog numero ZERO, che formalmente non è il…

Una cosa

Una cosa

Ciao lettore di blog, di cassetti, di calzini, di quello…

22 Discussion to this post

  1. Questa sera m’inviti a nozze, avendo citato (all’ultimo) i nativi americani. A questo glorioso popolo ho dedicato una tesi di laurea e, ancor oggi, rappresenta per me un importante punto di riferimento. “ll fuoco, cercare il fuoco da qualche parte, cercare la vita fuori dalla vita”. Io credo che il fuoco sia proprio la vita. “Il fuoco che ti brucia il sangue, quella è l’anima” cantavano i Negrita. Anima, vita: il fuoco! Ovviamente, come tutte le cose, ha un prezzo: ti puoi bruciare…Ma puoi imparare a gestire quel fuoco. Puoi imparare a tenere bassa la fiamma. Come abbiamo più volta scritto in questo blog, la vita senza uno scopo (il fuoco) non ha alcun senso. Purtroppo, molte persone “esistono” e non “vivono”…Non c’è peggior spreco di tempo! Un abbraccio!

  2. claudio scrive:

    Francesca, ora hai anche la passione per i vulcani?non è possibile, sei veramente uguale a me di carattere.
    Gli inverni della vita, bellissimo paragone, magari davanti a un fuoco acceso nel caminetto!(momento nostalgico pensando alla mia casa di campagna).
    Spero di riuscirti a vedere a Mantova, anche solo per stringerti la mano e dirti che le tue canzoni sono speciali.
    Comunque tu sei stella e pianeta 🙂

  3. SV scrive:

    Dear Francy,
    Another awesome writing from an amazing person. Yeah, this one for me is your best one. You have so many deep, worth-considering and interesting thoughts, it’s absolutely incredible.
    You are beautiful inside and out and there’s something so unique, so special in you that grabbed me immediately after seeing you on Eurovision. I have never seen another woman like you, honestly.

    Your music melts my heart and helps me recognize all the beauty around me, the reality is trully different from what we think it is.
    Yeah, you’ve changed my life completely but I’m not gonna talk about that now. I just want to tell you there is a person out there who TRULLY LOVES YOU and you have a special place in his heart. I’ll meet you one day (after I learn Italian haha).

    Never change because you are unique. There are no words that can describe you. Have a great summer!
    PS: For me having a heart in two is not so hard, because I do not want the bigger part for myself.
    I send you a balloon full of love from sunny Bulgaria

  4. albino d'adda(alby) scrive:

    cosa dire questo mercoledi cara francy,mi hai fatto ardere il cuore,come ho scritto nella tua pagina,dove ho scritto le ultime due righe emozionanti dei tuoi pensieri intorno al fuoco…..e qui voglio scriverti l’altra frase che mi ha colpito molto..A VOLTE E’ DIFFICILE BRILLARE DI LUCE PROPRIA,MA SE HAI IL FUOCO DENTRO,SE C’E’ IN TE UNO SLANCIO,SE SENTI DI TENDERE A QUALCOSA,DEVI ACCENDERE LA LUCE…DENTRO DI TE…a volte la vita spegne la luce che hai dentro,ma se uno ci crede,nonostante le difficolta’,tira fuori quel fuoco che arde nel cuore,e se si tende a qualcosa,che puo’ essere amore ,lavoro,famiglia ,amici ecc,bisogna accendere quella luce spenta,perche’ il mondo la possa vedere,cioe’ ,in poche parole essere sempre positivi,perche’la vita prima o poi ti dara’ cio’ che hai seminato….grazie francy,mi fai riflettere sempre e molto ,e’ sempre una mega figata il nostro mercoledi

  5. cristian bertolaso scrive:

    Il fuoco è l’elemento più importante di tutti,dall’incommensurabile grandezza polisemica, in quanto più e meglio degli altri “archai” sembra rendere conto del dinamismo interno della realtà. È,infatti,l’unico elemento sempre in tensione,oltre ad avere la capacità di trasformare l’oggetto con cui entra in contatto. La capacità metamorfica del fuoco può indurlo a considerarsi l’elemento principale. Viene ad assumere anche se vuoi una valenza metaforica,quale simbolo visibile e concreto della vitale conflittualità del divenire, che è il medesimo della realtà. Ovviamente non il fuoco reale innescato in modo artificiale dall’uomo,ma qualsiasi fonte di calore scaturita dalla tensione degli opposti,che assicura armonia all’universo.
    È fuoco il fiato dell’animale, così come i fenomeni legati ad una produzione spontanea di energia (fulmine e saetta). Ma il fuoco è altresi l’immagine metaforica della realtà empirica, in continua trasformazione, nonostante la percezione che ne abbiamo sia di apparente immobilità ed immutabilita’. Non mi ha sorpreso questo tuo pensiero: il “divenire” ricorre costantemente in te e quale rappresentante ontologico più precipuo di questo.
    Stay rock, cara stella danzante, riarsa da un limpido bruciare d’azzurro

  6. Francesco Z scrive:

    Beh si, la vita si puó paragonare ad un fuoco accesso, mi piace tantissimo questo pensiero di questa settimana.
    Il fuoco ha un’importanza storica, vediamo gli uomini primitivi che quando hanno scoperto il fuoco, gli é cambiata la vita, lo usavano per cucinare, luce notturna, per autodifesa.
    Altri popoli lo usano per danzarci attorno, per raccontarsi storie o per fare pace con altri popoli; è un simbolo essenziale.
    Se guardiamo l’aspetto filosofico l’idea del fuoco che rappresenta la nostra anima, mi piace tanto.
    Dobbiamo tenerlo sotto controllo peró, senza far arrivare il fumo nel nostra testa.
    Diceva il caro William Shakespeare “Accendi un sogno e lascialo bruciare in te”.
    Questa citazione mi piace tantissimo!
    Il fuoco è alimentato da noi e la sua jntensitá dipende sempre e solamente da noi.
    I nostri sogni sono direttamente proporzionali alla nostra fiamma (alla nostra voglia di vivere).
    Questo pendiero settimanale è tra i miei preferiti.
    Buona notte Francy!

  7. Carlos scrive:

    Niki Lauda dijo después de hacerse con uno de sus mundiales: ”si pudiese ganar más dinero con otra cosa, da por hecho que no estaría aquí”. Curiosa reflexión. Podríamos habernos quedado sin uno de los mejores ejemplos de superación de la historia. En cambio, este blog parece decir todo lo contrario: el arte supera a lo vanal, al dinero, a lo establecido. Parece no importar que no vayan a tener fama esas palabras. Parece seguir aquel lema de que hay que procurar escribir cosas interesantes antes de morir porque, según dicen, es lo único que queda.

  8. Adam scrive:

    Mi ritornano in mente le vicende realmente accadute di Richard Evelyn Bird presso Advanced Base in antartide. Il tutto raccontato nel libro Alone “Solo”.
    Francesca, sono affascinato dal tuo pensiero, dal tuo modo di approcciare la vita e le varie situazioni in cui tutti ci imbattiamo.
    Buona serata.
    Ciao Peachy.

    Adam.

  9. michele scrive:

    Ciao Francesca, tra poche ore mi laureerò, e in questa breve ma intensa notte, so già che verranno a trovarmi i pensieri più profondi, quelli che ti prendono nelle vigilie importanti. Oggi è stato un mercoledì di fuoco, tra il caldo afoso, lo studio e il nervosismo pre esame. Domani si chiuderà una finestra e si aprirà un nuovo cielo davanti a me, è un po’ come il cerchio di fuoco di cui parli, dopo 5 anni di studi sono pronto per fare l’ultimo salto, il più importante, ma anche il più difficile, sperando di finire rotolando allegro verso il blu.
    sono felice di aver fatto un giretto nel tuo cassetto, mi hai addolcito la vigilia 🙂
    come on baby, light my fire

  10. love is better scrive:

    un monaco disse a un maestro zen: ” se viene un povero cosa bisognerebbe dargli?”
    “non gli manca niente” rispose il maestro..
    con l’argilla fabbrichiamo un vaso. ma è il vuoto all’interno che ciò chè ci serve.
    dio ha creato ogni cosa dal nulla. ma il nulla traspare. ( io l’ho presa da dylan dog. cit. di paul valèry) non so bene cosa vuol dire ma mi piace. sai sono ignorante, nel senso che ignoro tante cose ma senza volere.. magari perchè sono anche un pò fuso gia di mio..

    Siamo tutti un pò diversi.. chi prentende troppo, chi nulla, chi le cose semplici, e chi cerca solo le persone giuste intorno a se o una donna unica intorno a se.. tanto da perdersi a volte, ti fai mille anzi milioni di domande senza trovare a volte una risposta, la più importante che risponde all’unica cosa importante per te.. per me la cosa più importante è una ora, una bellissima e dolce signorina. non ti dico il nome.. lo lascio alla tua fantastica mente..
    nell’ultimo post non mi sono spiegato bene.. forse per orgoglio in quel momento ho scritto diversamente.. il mio cuore è già bruciato, per una, e quando dico una non sono due o tre.. ma una ragazza.. bella, ma quando dico bella, non vuol dire solo sull’aspetto fisico, è un parola che può racchiudere una spiegazione per tutto.. mente, cuore, anima ecc. ecc. ( o anche bellissima.. magica.. fantastica.. )
    mi spiace aver fatto soffrire questa ragazza se è successo, non lo avrei mai voluto e mai ci avrei pensato a farlo.. “lei” è sacra per me, e lo è sempre stata.. a volte mi incavolo ( dico incavolo perche non voglio scrivere altro) con me stesso, solo al pensiero di sapere che magari ho ferito la sua bellissima persona.. vorrei raccogliere la luna e tutte le stelle dell’universo per lei se solo potessi, ma.. non sapere dove e cosa fare ti taglia le gambe in partenza.. metti il coraggio in cento cavolate e per quello che realmente conta ti blocchi. Tipo immaginarsi di non avere ne parole ne fiato davanti a lei.. vorresti solo fargli sentire il tuo cuore come batte vicino a “lei” come esplode.. e già esplode se non cè.. che senti battere il cuore nello stomaco..
    è proprio vero che voi donne siete più coraggiose di noi maschietti a volte.
    ma di sicuro non vorrei e non voglio perdere questa “ragazza” per me importantissima per mancanza di coraggio.. tutti i tesori del mondo non avrebbero valore senza di “lei”, si magari ti rendono felici qualche giorno, mese, anno, ma non fa per me.. il mio tesoro più grande è solo “lei”.. il più bel tesoro del mondo.. anzi dell’universo.
    ciao fra…

  11. GiovanniC scrive:

    Continuerai a farti scegliere, o finalmente sceglierai?

    Fantastico.
    Io non credo di essere ancora in grado di applicare questo concetto al 100%. Ma è meraviglioso notare come si riesce a illuminare i pianeti del proprio sistema, per poi accorgersi, che ci sono miliardi di stelle come noi, collegate ad un unica origine e che vanno nella nostra stessa direzione.
    Imparare ad acoltarsi veramente, col casino che c’è intorno, non è facile, ma c’è sempre tempo per cambiare strada. In ogni caso credo non bisogna preoccuparsi troppo, più diamo importanza ai problemi, più gli ingigantiamo.
    “…sogno un viaggio morbido dentro al mio spirito”
    A volte basta silenziare la mente per poter vedere direttamente le soluzioni.

  12. GiovanniC scrive:

    …non per ultumo, anche se purtroppo non ricordo le testuali parole:
    “L’Universo sarebbe un posto buio, se non ci fossero i nostri occhi a testimoniarne la luce e i colori”
    ~A. Angela~

    Anche i pianeti hanno un loro senso.

  13. Emanuele Verardo scrive:

    Il fuoco. Il colore rosso intenso che a me piace tanto visto che è il mio colore preferito. Tu hai scelto di essere sia una stella che brilla nel cielo di luce propria e sia un pianeta così grande che hai ancora tante cose da dimostrare e da esprimere. Ti voglio bene Francy 😉

  14. Alice D'Avelli scrive:

    L’ennesimo pensiero che mi aiuta.
    Grazie Francesca, sarai sempre il mio idolo (accanto a Audrey Hepburn) 😉

  15. paolo Castrignano' scrive:

    Ciao Francesca come hai detto tu all’Eurovision “WE ARE PRECIOUS!”……ALL LIVES MATTER!

  16. love is better scrive:

    Wise men say only fools rush in
    But I can’t help falling in love with you
    Shall I stay
    Would it be a sin
    If I can’t help falling in love with you

    Like a river flows surely to the sea
    Darling so it goes
    Some things are meant to be
    Take my hand, take my whole life too
    For I can’t help falling in love with you

    Like a river flows surely to the sea
    Darling so it goes
    Some things are meant to be
    Take my hand, take my whole life too
    For I can’t help falling in love with you
    For I can’t help falling in love with you

  17. love is better scrive:

    Maybe I didn’t treat you
    Quite as good as I should have
    Maybe I didn’t love you
    Quite as often as I could have
    Little things I should have said and done
    I just never took the time

    You were always on my mind
    You were always on my mind

    Maybe I didn’t hold you
    All those lonely, lonely times
    And I guess I never told you
    I’m so happy that you’re mine
    If I make you feel second best
    Girl, I’m so sorry I was blind

    You were always on my mind
    You were always on my mind

    Tell me, tell me that your sweet love hasn’t died
    Give me, give me one more chance
    To keep you satisfied, satisfied
    Little things I should have said and done
    I just never took the time

    You were always on my mind
    You were always on my mind
    You were always on my mind

    Maybe I didn’t treat you
    Quite as good as I should have
    Maybe I didn’t love you
    Quite as often as I could have
    Maybe I didn’t hold you
    All those lonely, lonely times
    And I guess I never told you
    I’m so happy that you’re mine
    Maybe I didn’t treat you

  18. Katianna scrive:

    This is so beautiful.
    I think it’s a ritual of mine to come and read this amazingness every single time i am feeling blue.
    You inspire me to the core, your music is my getaway.
    You’ve become such a big part of me.
    Love, Katianna (from Greece).

  19. Guglielmo scrive:

    È proprio che luglio è un FUOCO

  20. Kill scrive:

    I need to to thank you for this excellent read!! I
    certainly loved every little bit of it. I’ve got you saved as a favorite to
    check out new stuff you

  21. Bill scrive:

    It is perfect time to make some plans for the future and it’s time to be happy.

    I’ve read this post and if I could I desire to suggest you few interesting things or advice.

    Maybe you can write next articles referring to this article.
    I wish to read more things about it!

  22. Alana scrive:

    “Il fuoco è la verità. E ti fa venire voglia di tendere la mano in un cerchio per affrontare gli inverni della vita.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Premi "Invio" per cercare.